Home Aste Museo L'Esperto Risponde Contattaci
 
 


Aste

Contattaci
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 



Ebreo, fuggì dall' Italia a causa delle leggi razziali. Un giornalista cocciuto si è messo sulle sue orme ed ha scoperto che fine fece : morto in campo di sterminio

Il nostro uomo è Arpad Weisz, dunque. Matteo Marani, un giornalista bolognese che su di lui ha appena scritto il libro "sportivo" (si fa per dire) più bello ed importante da molto tempo a questa parte, data la sua morte al 31 gennaio 1944. Auschwitz. Weisz era un allenatore di calcio. Era ebreo. Scoprì Meazza e portò allo scudetto l'Inter e il Bologna. Era il Lippi (o il Capello, fate voi) degli Anni Trenta. Bravissimo. Un giorno Enzo Biagi scrisse: "Mi sembra si chiamasse Weisz, era molto bravo ma anche ebreo e chi sa come è finito".


E Marani ha voluto scoprire come è finito. Ha girato mezza Europa, ha letto vecchi giornali, trovato foto e lettere. La sua paziente e certosina inchiesta è diventata uno splendido racconto che andrebbe letto nelle scuole (o ai ragazzini che vogliono diventare Ronaldo...). Il suo libro, "Dallo scudetto ad Auschwitz", Aliberti Editore, e veramente un bel libro. Compratelo, costa 14 euro, neanche il prezzo di due biglietti del cinema dove, magari, rischiate anche di incontrare Boldi o De Sica... - Inizia così: "Visto da lontano, Arpad Weisz non è alto e non è basso. Non è bello e non è brutto. E' un uomo normale, nelle forme fisiche quanto nel volto. Eppure basta osservarlo qualche istante per non staccargli lo sguardo di dosso. Ha qualcosa di misterioso e insieme di magnetico, una faccia simpatica e intelligente, che si scopre lentamente. Il sorriso è vago e indefinito, ma possiede anch'esso una strana magia...E' il momento più bello della sua vita e dista appena nove mesi dalla fuga dall'Italia, meno di quattro anni dall'inferno di Auschwitz, meno di sei dalla fine di tutto."
__________________________________________

Una storia esemplare. L'ha scritta Matteo Marani, 36enne giornalista del "Guerin Sportivo", raccontando le vicende affascinanti, tremende e ahinoi esiziali di un allenatore magiaro, Arpad Weisz, che pagò con la vita il fatto di essere ebreo. Lui, la moglie Elena, i figli Roberto e Clara: tutti ammazzati ad Auschwitz. Vale la pena di raccontarla, questa struggente vicenda, nel Giorno della Memoria che cade oggi e, a quasi 62 anni dalla morte di Hitler, fa da scudo alle paradossali rappresaglie mediatiche di coloro che mettono in discussione perfino l'Olocausto. Nella sua straordinaria opera di ricerca, Marani ha frugato gli archivi più polverosi e secretati d'Italia, Francia, Olanda e Ungheria, ha incontrato decine e decine di persone che potevano aver conosciuto il suo eroe, ha controllato di persona ogni sassolino lasciato da Weisz dopo la fuga dall'Italia.

Era il 26 ottobre 1938 quando il protagonista di questo libro ("Dallo scudetto ad Auschwitz", Aliberti Editore, 14 euro) si dimise da tecnico del Bologna che aveva portato a dominare il calcio in Italia, con due scudetti consecutivi, impresa fino ad allora riuscita solo alla Juventus, e all'estero: memorabile il trionfo sui maestri inglesi del Chelsea nella finale del Trofeo dell'Esposizione, svoltosi a Parigi nel 1937, che vale la Champions League di oggi. In precedenza Weisz aveva portato allo scudetto anche l'Ambrosiana ritoccando il WM in chiave difensiva con un modulo che, negli Anni Cinquanta e Sessanta, fece la fortuna di Viani, Rocco e delle loro squadre.

A lui, Arpad Weisz, ebreo purosangue, e ai suoi famigliari, non fu più permesso di vivere in Italia dalle leggi razziali promulgate da Mussolini. Il 10 gennaio 1939, insieme ad altri profughi, si rifugiò in Francia passando dal valico di Bardonecchia. Da Parigi si spostò in Olanda, nella cittadina di Dordrecht, dove per quasi due anni fece l'allenatore prima di essere deportato in un lager senza ritorno. Scrive Marani: «Lì, nella saletta della memoria, aperta generalmente ai parenti delle vittime, un impiegato mi ha mostrato gli elenchi dei deportati ad Auschwitz, fino a ritrovare l'esatto numero di treno dentro al quale furono sospinti i
quattro componenti della famiglia Weisz». Sì, una storia esemplare, maturata nel quartiere Saragozza di Bologna, il quartiere di Marani, al tempo delle leggi marziali. Ma la Shoah non è cosa di ieri, è sempre dietro l'angolo.

Aliberti editore

Collana “ I lunatici”

€: 14,00

Un commento personale: libro da leggere e non da mettere da parte, complimenti a Marani per un libro che si legge tutto di un fiato, lascia amarezza per la tragedia della famiglia Weisz, ma è tanta l’ ammirazione per Marani, la postfazione è fantastica perché si legge tra le righe quanto Lui abbia cercato la verità e scritto questo libro con sentimento e passione cosa che manca nel mondo del calcio odierno.

La società Inter compie 100 anni in questo anno 2008, speriamo che si ricordi del suo allenatore che la diresse e portò  alla conquista del titolo di campione d’Italia nella stagione 1929/30.


 

Museo
Visita la Galleria del materiale d'epoca ...

L'Esperto Risponde: 

A richiesta si fanno perizie su materiale d'epoca riguardante il gioco del calcio: maglie in cotone, gagliardetti ricamati, palloni, scarpe, distintivi, tessere, biglietti, medaglie, trofei, documenti, riviste, calcio illustrato, il Campione, sport Illustrato, Football, album figurine, cartoline, fotografie, archivi di quotidiani, curiosità ecc......

Se volete far quotare il Vs. materiale o vendere parte delle Vs. collezioni o cedere materiale che credete non Vi possa piu' essere utile contattatemi, troveremo certamente un accordo che soddisferà entrambi. 

 

 

Per consigli e suggerimenti, scriveteci alla e-mail memorabiliacalcio@virgilio.it . Grazie . E' vietata la riproduzione parziale e/o totale del sito. Tutti i marchi registrati sono dei rispettivi proprietari. MemorabiliaCalcio.com declina ogni responsabilità per il contenuto dei siti ai quali si fa riferimento; nomi e marche citate all'interno delle pagine del sito "www.memorabiliacalcio.com"  sono di proprietà delle rispettive aziende che ringraziamo.  Informazioni sul  materiale in esposizione : memorabiliacalcio@virgilio.it . Copyright 2000-2005 © .